La città del Cairo in Egitto

La città del Cairo in Egitto è l’ultima tappa del nostro viaggio attraverso il continente africano, la città che gli egiziani chiamano Umm ad Dunya ossia la Madre del Mondo, è una delle grandi megalopoli del mondo e sicuramente tra le città più ricche di tesori archeologici.

La città de Il Cairo è ricca di storia, esperienze emozionanti, caffè deliziosi e cibi favolosi; il Nilo scorre da migliaia di secoli conferendole un’atmosfera unica.

Tra le principali attrazioni della capitale egiziana la piana di Giza con le Piramidi e la Sfinge è sicuramente la meta preferita dai visitatori che da secoli rimangono estasiati nell’ammirare i templi funerari della quarta dinastia.

La Piramide di Cheope, o la Grande Piramide, è la struttura più grande della piana di Giza e una delle Sette Meraviglie del Mondo Antico, è imponente e domina il sito archeologico, al suo interno, percorrendo stretti corridoi e passaggi, è possibile visitare la camera funeraria ed un enorme sarcofago.

Nei pressi della Grande Piramide si trova un museo che conserva una delle barche cerimoniali che venivano utilizzate nel passato, il Museo della Barca Solare.

Sull’altopiano si trovano anche la Piramide di Chefren, o Khefre, e la Piramide di Micerino la più piccola di queste colossali piramidi.

A guardia del sito funerario si trova l’iconica Grande Sfinge, un monumento dal corpo di leone e con la testa ed il volto umano che sembra voglia essere il ritratto del volto del faraone Cheope.

L’altopiano di Giza è anche la casa del Grand Egyptian Museum il nuovo museo egizio del Cairo che ospita una collezione unica di reperti delle varie dinastie che hanno regnato in Egitto, una vasta ala del museo è dedicata al tesoro rinvenuto nella tomba del faraone Tutankhamon.

La vasta necropoli di Saqqara e il vicino sito di Dahshur ospitano altre interessanti piramidi e sono una meta imperdibile per chi è appassionato di storia antica; i siti si trovano a circa 30 chilometri a sud del Cairo.

La piramide a gradoni è l’attrazione più popolare di Saqqara, ma l’intera area è disseminata di tombe splendidamente dipinte, che vale la pena dedicare qualche ora a esplorare.

Saqqara è così grande, e la sua storia come luogo di sepoltura così vasta, che gli scavi qui continuano a portare alla luce preziosi reperti.

A pochi chilometri da Saqqara si trova la necropoli di Dahshur, una località situata nel deserto, sulla riva occidentale del Nilo famosa per l’insolita Piramide Romboidale e per la Piramide Rossa.

Il sito di Dahshur è particolarmente interessante perché le piramidi presenti segnano la transizione dalla piramide a gradoni, come quella di Djoser a Saqqara, alla piramide dalle linee canoniche come le famose piramidi di Giza.

Il vecchio Museo delle Antichità Egizie nel centro della città è un’attrazione da non perdere, l’edificio coloniale è affascinante e i reperti esposti sono molto interessanti cosi come da non perdere è il National Museum of Egyptian Civilization un centro unico che unisce l’antichità con aspetti legati alla musica, all’arte e altre aspetti della millenaria cultura egiziana.

Khan el-Khalili è uno dei souk più famosi e una delle principali attrazioni del Cairo; questo mercato si apre proprio nel centro storico della città ossia la Cairo medievale, un’area conosciuta anche come Il Cairo islamico; questo antico bazar esiste dal X secolo ed è un luogo magico ricco di colori, profumi e gente che contratta le merci più disparate.

La Moschea Al-Azhar si trova proprio nel cuore del quartiere islamico del Cairo, è il più bell’edificio dell’era fatimide del Cairo e una delle prime moschee sopravvissute della città, completata nel 972 d.C.; è anche una delle università più antiche del mondo.

La zona chiamata la cittadella del Cairo, costruita da Saladino nel 1176, regala i migliori panorami della città e ospita la Moschea di Muhammad Ali che è il monumento più famoso; soprannominata la Moschea d’Alabastro, la sua pietra bianca e i minareti alti e sproporzionatamente sottili sono uno dei grandi punti di riferimento del Cairo.

Al tramonto, quando il cielo si colora di arancione e dai minareti riecheggia la chiamata alla preghiera, una gita in feluca, la tradizionale barca a vela, sul Nilo è un’esperienza rilassante e affascinante.