Cape to Cairo Tappa 1-B: Dal Capo alle Cascate Vittoria via Namibia

0
Share

Tappa 1-B da Città del Capo al Cairo: Da Città del Capo a Livingstone

La prima tappa del nostro viaggio che ci porterà da Città del Capo al Cairo toccherà 3 stati bellissimi, partendo da Cape Town risaliremo la costa fino alla Namibia che esploreremo da sud a nord ed infine lo Zambia e le Cascate Vittoria.

In Sudafrica partiremo dalla Penisola del Capo e dalla splendida Cape Town e risalendo la costa ovest visiteremo il Namaqua National Park che offre splendidi paesaggi e lunghe spiagge oceaniche.

In Namibia esploreremo molte destinazioni affascinanti, il Fish River Canyon, il deserto del Namib, la famigerata Skeleton Coast e faremo safari nell’Etosha National Park.

In Zambia ammireremo uno degli spettacoli naturali più grandiosi del mondo, le Cascate Vittoria.

Le tappe salienti del viaggio da Città del Capo a Livingstone

Lungo la prima tappa del nostro viaggio attraverso l’Africa, da Città del Capo a Livingstone avremo la possibilità di visitare destinazioni uniche.

In viaggio da Città del Capo a Livingstone: la meravigliosa Cape Town

Città del Capo, affettuosamente conosciuta come la Città Madre, si trova sullo sfondo dell’iconico altopiano della Table Mountain e della baia blu zaffiro di Table Bay, famosa per la sua popolazione di foche e per i grandi squali bianchi.

Città del Capo è considerata una delle città più belle del mondo grazie agli scenari sbalorditivi, le sue spiagge, i dintorni montuosi e all’architettura secolare che si mescola con un design moderno minimalista.

L’iconico altopiano di Table Mountain fa da sfondo alla città ed è una tappa obbligata per i visitatori, prendere la funivia per raggiungere la cima della montagna, è un’esperienza che regala una vista panoramica a 360 gradi dell’area circostante e della città.

Con un incantevole viaggio panoramico lungo la costa rocciosa della Penisola del Capo, si raggiungere Cape Point ed il Capo di Buona Speranza; il Capo si trova anche all’interno del Parco Nazionale di Table Mountain che da l’opportunità di vedere gli affascinanti fiori del Cape Floral Kingdom, uno dei soli sei regni floreali al mondo.

Il Cape Floral Kingdom, che si estende su 90.000 kmq, è una delle aree floreali più ricche del pianeta ed è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dal comitato dell’UNESCO; delle 9600 specie di piante che si trovano in questo regno, circa il 70% non si trova in nessun’altra parte del mondo.

Nessun viaggio a Città del Capo è completo senza una escursione nella zona vinicola, la Cape Winelands ospita numerose cantine che producono ottimi vini.

In viaggio da Città del Capo a Livingstone: la West Coast sudafricana

La West Coast si trova nella provincia del Capo Occidentale, una delle nove province del Sud Africa, è caratterizzata dalle sue coste gigantesche con spiagge di sabbia bianca e confina con l’ Oceano Atlantico per oltre 400 km estendendosi da Città del Capo al Kalahari.

Tra le destinazioni da non perdere sulla Costa occidentale c’è sicuramente il Parco Nazionale di Namaqua che è caratterizzato da un ecosistema noto come Succulent Karoo, o piante succulente di Karoo, che è il più diversificato e ricco tra i gruppi semi-aridi del pianeta.

Nel parco sono stati reintrodotte numerose specie di antilopi sono inoltre presenti numerosi mammiferi di piccola dimensione, rettili ed soprattutto la endemica tartaruga.

In viaggio da Città del Capo a Livingstone: Il Parco Transfrontaliero di |Ai-|Ais/Richtersveld

Il Parco Transfrontaliero di |Ai-|Ais/Richtersveld, gestito unitamente da Sudafrica e Namibia, si estende su alcuni dei più spettacolari paesaggi montuosi aridi e desertici dell’Africa meridionale.

Il parco è nato dall’unione del / Ai / Ais Hot Springs Game Park in Namibia e il Richtersveld National Park e il Richtersveld World Heritage Site in Sudafrica.

Il parco è il luogo dove cresce un terzo delle 10.000 specie succulente del mondo e comprende il Fish River Canyon, il canyon più grande dell’Africa.

/ Ai / Ais significa acqua che brucia e si riferisce alle sorgenti termali del Transfrontier Park; questo aspro paesaggio desertico ospita infatti una serie di gemme naturali tra cui sorgenti naturali, formazioni di roccia lavica e roventi distese di deserto.

In viaggio da Città del Capo a Livingstone: il Fish River Canyon

Il secondo canyon più grande del mondo, il Fish River Canyon , si snoda tra le spettacolari pareti rocciose caratteristiche del paesaggio desertico.

Il Fish River Canyon si estende per quasi 160 chilometri attraverso il vasto paesaggio della Namibia, è stato scavato nei secoli dal Fish River, il fiume più lungo del paese, e nel punto più profondo raggiunge profondità di oltre 500 metri.

Il posto migliore per accedere e per vedere il Fish River Canyon è dal lato namibiano, dove sono disponibili incredibili punti panoramici.

In viaggio da Città del Capo a Livingstone: la città di Luderitz e la città fantasma di Kolmanskop

Situata nel sud-ovest della Namibia su quella che è considerata una delle coste più inospitali dell’Africa, Luderitz è una città pittoresca con un’architettura interessante e un ricco passato testimoniato dai molti splendidi edifici storici.

A Luderitz si possono ammirare vecchie case ben tenute dell’epoca coloniale tedesca, costruite in stile art déco, le attraenti spiagge costiere, in particolare la Big Bay e molte baie e lagune sabbiose; sull’isola di Halifax si possono inoltre vedere pinguini e fenicotteri.

A soli 12 chilometri dalla città di Luderitz si trova l’incredibile città fantasma di Kolmanskop; nel 1908 la città era poco più di una piccola stazione ferroviaria ma la scoperta dei diamanti nella zona richiamarono numerose persone a caccia di fortuna e la cittadina si sviluppò rapidamente.

In pochi anni Kolmanskop divenne la città più ricca dell’Africa e una delle città più ricche del mondo ma intorno al 1940 vennero scoperti giacimenti più redditizi e la città fu lasciata a se stessa e il deserto rivendicò il suo territorio perduto.

Una visita a Kolmanskop fornisce una visione inquietante di come il deserto lentamente ma inesorabilmente reclama tutto ciò che è stato costruito in esso, la sabbia si insinua in ogni spazio e si riappropria dello spazio sottratto.

Una curiosità: l’ospedale aveva installato il primo apparato a raggi X nell’Africa meridionale ma probabilmente serviva più per controllare i lavoratori, che avrebbero potuto ingoiare diamanti, che per curare gli abitanti di Kolmanskop.

In viaggio da Città del Capo a Livingstone: Il Parco Nazionale di Namib-Naukluft 

Il Parco Nazionale di Namib-Naukluft protegge un’ampia sezione del deserto del Namib, il deserto più antico del mondo, e la catena montuosa del Naukluft.

La zona più visitata del parco è l’area di Sossusvlei famosa per le alte dune di sabbia arancione che creano un paesaggio spettacolare.

Trascorrere una giornata esplorando l’area di Sossusvlei è un’esperienza incredibile, si possono scalare le dune e godere di viste incredibili delle dune che si estendono fino al gelid oceano, si possono ammirare i vlei con gli scheletri degli alberi che creano un’atmosfera spettrale.

I vlei sono i letti di laghi effimeri che una volta evaporata l’acqua consistono in distese dal colore chiaro, a causa della salinità dell’acqua, in forte contrasto con le dune arancioni e gli scheletri degli alberi che col tempo si sono anneriti.

In viaggio da Città del Capo a Livingstone: Skeleton coast

La Skeleton Coast è una zona dalle condizioni estremamente inospitali con le nebbie che si levano dalle fredde acque del’Oceano Atlantico, le sabbie che creano un paesaggio lunare e i relitti delle navi che non sono riuscite a superare le insidiose acque namibiane.

La Skeleton Coast ospita una enorme colonia di Otarie del Capo nella Cape Cross Natural Reserve, qui si concentrano dagli 80.000 ai 100.000 esemplari.

I relitti delle navi ormai semidistrutti dalla ruggine sono inquietanti reliquie ma offrono incredibili opportunità fotografiche e rifugio per numerosi uccelli acquatici.

In viaggio da Città del Capo a Livingstone: il sito di Twyfelfontein

Twyfelfontein è una valle della Namibia nella regione del Damaraland, il sito è famoso perchè ospita oltre 2500 dipinti rupestri e graffiti dell’età della pietra presenti sulle rocce di arenaria.

Twyfelfontein significa sorgente incerta ed è stata la disponibilità di acqua che ha attirato il popolo San nella zona e furono proprio i San, un popolo di cacciatori-raccoglitori, a dar vita a questa incredibile collezione di petroglifi.

I petroglifi sono un’arte rupestre realizzati con incisioni mediante l’uso di quarzo duro su arenaria morbida.

L’UNESCO ha dichiarato Twyfelfontein Patrimonio dell’Umanità nel 2007.

In viaggio da Città del Capo a Livingstone: incontro ravvicinato con i ghepardi al Cheetah Conservation Fund

I ghepardi sono famosi per la loro velocità e agilità, ma sono anche uno dei grandi felini più a rischio di estinzione dell’Africa. Il loro numero è diminuito del 90% negli ultimi 100 anni, passando da 100.000 a meno di 10.000 oggi. 

Le ragioni principali del declino sono il conflitto uomo-fauna selvatica, la scomparsa dell’habitat e la perdita di prede.

Fondato nel 1990, Cheetah Conservation Fund (CCF) si dedica al salvataggio del ghepardo. CCF lavora a livello internazionale e mantiene una base sul campo in Namibia, il paese con la più grande popolazione di ghepardi selvatici.

Pernotteremo nella struttura della fondazione e tutti i proventi del lodge supportano i continui sforzi del CCF per salvare il ghepardo, promuovere l’agricoltura etica e insegnare la convivenza in Namibia.

In viaggio da Città del Capo a Livingstone: safari in Etosha National Park

Il Parco Nazionale di Etosha, nel nord della Namibia, è una delle principali destinazioni per safari del continente, ospita infatti una fauna ricca e diversificata.

Il terreno con savane aperte e la vegetazione rada sono ideali per avvistare gli animali, soprattutto quando si riuniscono alle pozze d’acqua durante i mesi invernali da giugno ad agosto.

Le numerose pozze, artificiali e naturali sono il modo migliore per osservare gli animali, la fauna selvatica è concentrata nei pressi delle pozze d’acqua e i predatori aspettano l’occasione ideale per una facile caccia.

Il Parco Nazionale di Etosha ospita ben 114 specie di mammiferi tra cui il rinoceronte nero in via di estinzione e l’impala dalla faccia nera, endemico del parco, oltre agli animali iconici dei parchi africani: leoni, leopardi, giraffe, elefanti, iene, zebre e kudu, dei Big 5 solo i bufali non sono presenti nel parco.

In viaggio da Città del Capo a Livingstone: il fiume Zambesi e la Caprivi Strip

La Caprivi Strip è un’area tropicale nel nord della Namibia che ospita il Bwabwata National Park che è stato creato unendo Caprivi Game Park e Mahango Game Reserve.

E’ una regione ricca d’acqua, in questa stretta lingua di terra namibiana scorrono il Kwando, il Okavango e lo Zambesi.

L’abbondanza di acqua nella regione da vita ad un’incredibile ricchezza e diversità di fauna selvatica: si sono registrate circa 600 specie di uccelli e si trovano grandi concentrazioni di elefanti e bufali, antilope nera e antilope roana. I principali predatori includono Leone, Leopardo, Ghepardo e Iena, mentre lungo i fiumi si trovano Reedbuck, Red lechwe, Sitatunga e Hippo.

Un safari in barca al tramonto è il modo migliore per godere dello splendido contesto naturale della zona.

Related Posts
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *