Cape to Cairo Tappa 4: Storia, deserto e Mar Rosso

0
Share

Tappa 4 da Città del Capo al Cairo: Da Addis Abeba a Karthoum

La quarta tappa del nostro viaggio da Città del Capo al Cairo parte da Addis Abeba, l’attuale capitale dell’Ethiopia, e ci condurrà attraverso un viaggio nella storia del Corno d’Africa fino a raggiungere la leggendaria Karthoum.

Il nostro itinerario di viaggio ci porterà ad esplorare due stati ancora poco frequentati dal turismo.

In Ethiopia partendo da Addis Abeba, ci dirigeremo verso nord percorrendo la Rotta Storica, questo itinerario ci condurrà al sulle sponde del Lago Tana dove si trovano numerosi monasteri per poi raggiungere la città santa di Lalibela con le sue chiese rupestri ed infine la città dei castelli di Gondar .

In Sudan ammireremo l’immensità dei paesaggi del Deserto del Sahara e le splendide piramidi dei faraoni neri per poi raggiungere le coste del Mar Rosso dove potremo fare snorkeling ed immersioni nelle cristalline acque sudanesi.

Le tappe salienti del viaggio da Addis Abeba a Karthoum

In questa entusiasmante tratta della Transafricana da Città del Capo al Cairo avremo la possibilità di scoprire le seguenti destinazioni:

In viaggio da Addis Abeba a Karthoum: la città di Addis Abeba

Addis Abeba, capitale dll’Etiopia, è una città ricca di contrasti e storia; qui si possono visitare numerose chiese ortodosse etiopi molto frequentate dai fedeli e dove si respira un’atmosfera di sacralità.

La Cattedrale di San Giorgio è il luogo più sacro della città e ospita un numero considerevole di opere d’arte e un interessante museo.

La città ospita anche il Museo Nazionale dell’Etiopia che custodisce lo scheletro di Lucy una delle nostre prime antenate risalente a circa 3,5 milioni di anni fa.

Interessante è perdersi nella zona del Merkato ossia la zona commerciale più importante della città do è possibile trovare oggetti di artigianato locale.

Nei pressi di Addis Abeba si trova un luogo insolito dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, il sito archeologico che protegge le misteriose Steli di Tiya; queste sculture erano probabilmente utilizzate per indicare i luoghi di sepoltura.

In viaggio da Addis Abeba a Karthoum: il Lago Tana e i suoi monasteri

Il Lago Tane è il lago più grande dell’Etiopia ed è famoso per l’incredibile concentrazione di monasteri e chiese che sorgono sulle sue isole.

Con un’escursione in barca si raggiungono facilmente le isole che ospitano gli antichi monasteri ortodossi riccamente affrescati con scene religiose.

I monaci ci accoglieranno e ci faranno scoprire i segreti di questi antichi luoghi di preghiera.

Il Lago Tana ha un famoso emissario: il Nilo Azzurro che incontreremo nuovamente a Karthoum dove si incontra con il Nilo Bianco.

In viaggio da Addis Abeba a Karthoum: la città santa di Lalibela

Lalibela è la città più spettacolare di tutto il paese, le sue chiese rupestri scavate nella roccia sono un capolavoro di ingegneria e segno di estrema devozione religiosa.

Il Re Lalibela volle ricreare in Etiopia un luogo di pellegrinaggio che eguagliasse Gerusalemme consentendo così ai fedeli di non compiere un viaggio lungo e pericoloso per recarsi nella città santa.

Oggi le chiese rupestri sono Patrimonio dell’Umanità UNESCO e conservano intatto il loro misticismo e il loro fascino; entrare in queste chiese è come fare un salto nel tempo e ritrovarsi in pieno Medioevo.

La maggior parte delle chiese scavate nella roccia sono collegate tra loro da stretti passaggi e cunicoli scavati nella roccia e percorrere questo percorso è un’emozione unica.

In viaggio da Addis Abeba a Karthoum: l’antica capitale Gondar

L’antica capitale d’Etiopia conserva splendidi castelli e fortificazioni che le hanno valso il nome di Città dei Castelli

La città ricca di storia ha nel sito di Royal Enclosure la massima espressione di strutture difensive dell’antica Etiopia, le mura difensive sono lunghe oltre due chilometri e i castelli al loro interno sono ancora in buone condizioni.

Avremo il tempo per perderci tra le antiche costruzioni e cogliere quel fascino unico che ancora oggi trasmettono ai visitatori.

In viaggio da Addis Abeba a Karthoum: la città di Karthoum

La città di Karthoum sorge alla confluenza tra il Nilo Bianco che scorre a nord dal lago Victoria in Uganda e il Nilo Azzurro che scorre a ovest dall’Etiopia.

In un paese come il Sudan dove sono presenti 597 tribù che parlano oltre 400 lingue diverse e dialetti in città le principali lingue utilizzate sono l’arabo e l’inglese.

Souq Arabi, o il mercato arabo, è nel cuore commerciale della città, oltre ad essere un luogo dove puoi acquistare tutto ciò di cui potresti aver bisogno, è anche il cuore culturale e sociale di Khartoum; la città ospita anche alcuni musei imperdibili tra cui il Museo Nazionale di Etnografia, il Museo di Storia Naturale, il Museo del Palazzo.

Ci sono un certo numero di ottimi ristoranti a Khartoum che offrono un’allettante selezione di piatti locali, tra cui il Kissra, un tipo speciale di pane a base di mais, sempre presente sulle tavole, che  si consuma accompagnato da stufato di carne secca, cipolle essiccate, spezie e burro di arachidi. 

Le bevande più diffuse in città sono il caffè forte, speziato con zenzero o cannella, così come il kakaday ossia il tè all’ibisco.

In viaggio da Addis Abeba a Karthoum: il sito archeologico di Meroe

Sulla riva orientale del fiume Nilo, 200 chilometri a nord di Khartoum, sorgono le rovine dell’antica Meroe, capitale del regno di Kush governato dai faraoni neri, nel 2011, l’Unesco ha dichiarato il sito archeologico Patrimonio dell’Umanità per la sua importanza storica.

Il sito conta circa 200 piramidi, antiche tombe della dinastia nubiana che governò la Nubia e l’Egitto per decenni; oggi le piramidi nubiane sorgono dalle sabbie del deserto del Sahara e appaiono come un miraggio.

Visitare questo antico sito, necropoli di dignitari e faraoni nubiani, è una esperienza unica e affascinate, non essendo affollate come le piramidi egiziane si ha la possibilità di esplorarle in solitudine.

In viaggio da Addis Abeba a Karthoum: il Deserto del Sahara

Il Deserto Nubiano è prevalentemente sabbioso e presenta numerose aree di dune, campi sabbiosi e isolate formazioni marroni di pietra arenaria nubiana, spesso erose in forme insolite dal vento.

È un deserto molto secco, dove l’acqua è quasi assente; come conseguenza, non possiamo trovarvi tribù nomadi.

È interessante notare la presenza di diversi luoghi in cui si trovano alberi fossili pietrificati; sono i resti di antiche foreste che dimostrano chiaramente che questo deserto era una volta coperto da una vegetazione lussureggiante.

Dormiremo due notti nel deserto in un’atmosfera unica che riporta ai tempi dei primi esploratori.

In viaggio da Addis Abeba a Karthoum: Port Sudan e il Mar Rosso

Dopo l’avventura nel deserto ci sposteremo sulle coste del Mar Rosso, Port Sudan è il principale porto dello stato e rappresenta un’ottima base per esplorare il Parco Nazionale Marino di Sanganeb e la Baia di Dungonab – Parco Nazionale Marino dell’isola di Mukkawar.

Questo prezioso ecosistema marino con splendide barriere coralline e oltre 300 specie di pesci registrati è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

Le immersioni e lo snorkeling sono le attività che permettono di osservare gli splendidi fondali e i fantastici pesci colorati, ma per chi non desidera cimentarsi in attività acquatiche è possibile godersi momenti di relax o una nuotata defaticante.

Related Posts
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *